Barbara Monti

Meditazione, crescita personale, costellazioni familiari e aziendali

Salta la navigazione

Risposte alle ragazze sul ciclo

Vai all’elenco pubblicazioni

Questo mese abbiamo pensato di dedicare l’articolo alle giovani donne alle prese con l’avvio del ciclo mestruale; riceviamo molte domande alle quali cercheremo di dare risposta, soprattutto riguardo l’irregolarità dei primi mesi o primi anni. Naturalmente non essendo un medico non voglio mettere l’attenzione su patologie specifiche per le quali è sempre meglio rivolgersi ad un esperto, ma fornire delle informazioni e rassicurazioni generali di cui spesso non si è a conoscenza che possono portare chiarezza su un tema che come si sa non è chiaro abbastanza!

Prima di tutto bisogna sapere che ogni ragazza è diversa e che il ciclo mestruale è qualcosa di molto personale che rispecchia il ritmo di ognuna; l’antropologa Jutta Voss dice che la donna non ha il ciclo, è il ciclo. Vuol dire che le mestruazioni sono un ritmo appunto che coinvolge non solo quei 4-5-6-7 giorni in cui compare il sangue, ma tutto il mese, tutto il corpo, tutte le emozioni, tutti i pensieri. Basti pensare che durante un ciclo mestruale, che da manuale dura 28 giorni ma come sappiamo può variare da 25 a 33 circa, cambiano: la temperatura corporea, il metabolismo, il fabbisogno alimentare, il livello di zuccheri nel sangue, l’acidità del sangue, il ritmo cardiaco, l’urina, la dilatazione delle pupille, la soglia del dolore, le onde cerebrali, la vista, l’olfatto, l’udito, il seno, la secrezione del muco cervicale, la dimensione, posizione e colore della cervice, la dimensione e il colore della vulva, il desiderio e la risposta sessuale, i cicli sonno-veglia, i livelli di energia. A cui si aggiungono i sogni, la voglia di solitudine o socialità, l’uso della parola, l’attenzione, la sensibilità, le emozioni, la voce critica.
Se non è un’esperienza personale e unica questa! Quindi, nelle mestruazioni un tempo dette “le regole”, ci sono sì delle regole ma non incise nella pietra, variabili da donna a donna.
Il ciclo compare di norma intorno ai 10-12 anni; ci sono ragazze che l’hanno avuto anche prima, e altre anche dopo, fino a 15-16 anni. Se hai più di 16 anni e non ti sono ancora venute può essere una buona idea fare un’ecografia delle ovaie per vedere se si stanno svegliando così puoi stare tranquilla e aspettare il giorno fortunato. Il ciclo non è sempre regolare, soprattutto all’inizio. E’ necessario che gli ormoni, l’ipofisi che comanda il tutto nel cervello e le ovaie trovino un buon modo di comunicare fra loro, e a volte ci vuole un po’ di tempo- può succedere che le mestruazioni compaiano una volta e poi si facciano attendere qualche mese prima di apparire di nuovo, oppure che vengano qualche volta e poi spariscano per ricomparire qualche tempo dopo. Per i primi due anni è facile non essere regolari, non significa che ci sia un problema.
Le mestruazioni sono un sistema delicato, e possono essere influenzate da dei bruschi cambiamenti nella propria vita.

Ecco alcune possibili cause: • Trasloco (perdi le abitudini) • Viaggi (cambi luogo, cibo, clima, fuso orario) • Forti paure o spaventi • Shock o trauma (incidenti, separazioni, lutti, notizie sconvolgenti) • Alimentazione scorretta (mangi troppo o troppo poco o troppo male!) • Tensione e stress (studi troppo, soffri per qualcuno o qualcosa, gare, esami) • Troppo sport (il corpo è stanco) • Paura di essere incinta (a volte la paura blocca il ciclo, così hai ancora più paura) • Problemi di salute e sofferenza ( di qualsiasi tipo) • Hai smesso di prendere la Pillola o altri contraccettivi ormonali dopo averla presa per un po’

Naturalmente l’organismo è forte, soprattutto se sei giovane, e capace di adattarsi a molte situazioni; non ti salterà il ciclo ogni volta che hai un periodo no, ma se succede passa in rassegna la lista e cerca di sentire dentro di te dove hai perso il ritmo o cosa ti porti dentro che pesa più di quel che credevi.

L’alimentazione è molto importante per un ciclo regolare: se non mangi abbastanza e non sei abbastanza forte il corpo saggiamente decide di non sanguinare, per non farti perdere altro ferro che ti indebolirebbe troppo.

In generale, no:
troppi zuccheri e prodotti raffinati
bevande alcoliche e bibite gasate
troppa carne
cibi confezionati
mangiare come le montagne russe: tanto, poi niente, poi tanto…
si:
frutta e verdura
carne, pesce, uova, formaggi alternati
bere molta acqua
cereali vari e se possibile integrali
qualche dolcetto meglio se fatto in casa
mangiare in modo regolare, ogni giorno

Ultima cosa: quello che pensi del tuo ciclo, il modo in cui ti guardi diventare donna, gli occhi con cui vedi il femminile e la femminilità e il modo in cui consideri il tuo corpo, fanno la differenza nella tua esperienza mestruale. Un atteggiamento gentile verso te stessa, pazienza e dolcezza nei momenti difficili, e la consapevolezza che essere una donna è un bellissimo viaggio alla scoperta del tuo potere, ti aiuterà ad essere in pace col ciclo e con tutte le novità che ti porta.
La tua fertilità un giorno potrà dare alla luce dei bambini se lo vorrai, ma anche far nascere nuovi aspetti di te e della tua creatività in molti altri ambiti della tua vita- il ciclo è come una palestra che ti allenerà a conoscerti, a espandere i tuoi punti forti, accettare i punti deboli e imparare a riconoscere la tua bellezza così come quella delle persone intorno a te.